FAQ

No, desideriamo offrire i nostri servizi consultivi di persona e con grande competenza. Siamo dell’idea che una consulenza seria debba avvenire in maniera diretta, affinché vi sia chiarezza anche sulle basi cui facciamo riferimento e sui documenti rilevanti. In questo modo siamo in grado di verificare direttamente la vostra documentazione e di eseguire una stima più accurata della situazione iniziale. Proprio per questo, alla consulenza è importante portare con sé tutta la documentazione disponibile relativa al caso in oggetto.
Sì e no. UP consiglia i nostri specialisti, non può però garantire che abbiano la disponibilità di occuparsi del mandato.
L’esperienza ci ha mostrato che un esiguo contributo permette di garantire la serietà dell’offerta e l’impegno nel rispettare gli appuntamenti.
Tutti quelli relativi alle assicurazioni sociali, come l’assicurazione infortuni, l’assicurazione di indennità giornaliera per malattia, l’assicurazione per l'invalidità, le prestazioni complementari, la responsabilità civile, ecc. Non forniamo consulenze in ambito di prestazioni di aiuto sociale.
Sì, i nostri avvocati possono spesso fornire un orientamento mirato. Talvolta serve ancora un ultimo step, un accertamento o un’informazione medica; altre volte è già stato tentato di tutto e manca la conferma da parte di un avvocato esperto. Purtroppo però è impossibile analizzare nel dettaglio i dossier, in parte molto articolati, in soli 45 minuti.
Le opzioni sono le seguenti: l’assicurazione di protezione giuridica, se prevista dal contratto e se stipulata prima del verificarsi dell’evento dannoso; un'assicurazione di protezione giuridica per la salute «nascosta» presso l’assicurazione malattia; l’aiuto alle vittime nel caso in cui il danno è stato causato da terzi; l’assicurazione di responsabilità civile della persona che ha provocato il danno; lo Stato, nel caso in cui la causa sfocia in un processo e se in precedenza è stato richiesto/approvato il gratuito patrocinio.
Menu